Questo sito contribuisce alla audience di

Bartolòzzi, Francésco

incisore italiano (Firenze 1728-Lisbona 1815). Figlio di un orafo, studiò disegno e pittura con J. Hugford a Firenze, quindi passò a Venezia (1748), dove lavorò prima presso la bottega dell'incisore Joseph Wagner e poi in proprio. Di questo periodo sono numerose traduzioni a bulino e all'acquaforte di opere del Piazzetta, dello Zuccarelli, di Marco Ricci, ecc. Nel 1764 si recò a Londra su invito di Giorgio III, per il quale riprodusse 64 disegni del Guercino, conservati a Windsor, adottando dapprima la tecnica del crayon, da poco introdotta in Inghilterra, quindi preferendo il “punteggiato”, tecnica che ottenne uno straordinario successo a Londra, in quanto traduceva perfettamente il gusto dell'epoca per i soggetti patetici o mitologici (incisioni su disegni del Cipriani, di Angelica Kauffmann, ecc.). Nella sua intensa attività il Bartolozzi produsse anche caricature e soprattutto ritratti, desunti da opere di maestri antichi e contemporanei. Nel 1802, per dissesti economici, si trasferì a Lisbona come direttore dell'Accademia di Belle Arti, senza però sospendere la sua attività di incisore.

Media


Non sono presenti media correlati