Questo sito contribuisce alla audience di

Baty, Gaston

regista e scenografo francese (Pélussin, Loire, 1885-1952). Formatosi con F. Gémier, fu tra i maggiori artefici del rinnovamento della scena contemporanea, dalla fondazione del teatro La Chimère (1922) alla lunga stagione del teatro Montparnasse-G. Baty, iniziata nel 1930-31 e durata 17 anni. Negli anni Trenta lavorò anche alla Comédie. Negli ultimi anni si dedicò alle marionette. Scrisse due libri importanti (Le masque et l'encensoir e Vie de l'art théâtral) dove, fra l'altro, distinse i due poli tra cui oscilla l'arte drammatica di ogni tempo: il “teatro letterario” e il “teatro di jeu”. Assertore di un teatro totale, nascente dall'incontro di un testo letterario con tutte le possibili risorse tecnico-spettacolari, fu discutibilmente accusato di servirsi dei testi come di pretesti per i suoi exploits. Il suo repertorio spaziò dai classici, specie francesi, ai contemporanei (Brecht, Pirandello, ecc.). Ridusse per le scene Delitto e castigo e Madame Bovary.

Media


Non sono presenti media correlati