Questo sito contribuisce alla audience di

Beöthy, Zsolt

romanziere e storico della letteratura ungherese (Budapest 1848-1922). Esordì come narratore nel 1861 a soli tredici anni. La sua fama è legata, più che al romanzo Kálozdy Béla (1875), ai suoi due lavori di storia letteraria: Il disegno storico della letteratura nazionale ungherese (1877-79) e Lo specchietto della letteratura ungherese (1896), che raggiunsero fino al 1930 numerose edizioni e col loro indirizzo di nazionalismo romantico ebbero un influsso duraturo sulla formazione del gusto.

Media


Non sono presenti media correlati