Questo sito contribuisce alla audience di

Bennett, comèta di-

scoperta dall'astronomo sudafricano John Charles Bennett il 28 dicembre 1969 nella costellazione del Tucano, transitò al perielio il 20 marzo 1970 alla distanza di 0,54 U.A. dal Sole. Le indagini svolte dal satellite OAO-1 misero in evidenza, intorno alla chioma del corpo celeste, una nube di idrogeno ampia 10 milioni di km. Venne anche notata l'emissione ultravioletta del radicale OH (ossidrile), attestante presenza di acqua allo stato solido in seno al nucleo cometario. Le indagini fotometriche, infine, fornirono prove concrete dello stato di rotazione assiale del nucleo cometario stesso.

Media


Non sono presenti media correlati