Questo sito contribuisce alla audience di

Boisguilbert o Boisguillebert, Pierre le Pesant de-

economista francese (Rouen 1646-1714). Appartenente a una nobile famiglia normanna, esercitò la professione di magistrato. È considerato un precursore dei fisiocratici per aver difeso sia il laissez faire sia gli interessi dell'agricoltura contro l'operato di Colbert. Ebbe una moderna nozione della globalità del sistema economico e pose in rilievo come dazi, imposte e in genere l'intervento statale nell'economia provocassero una contrazione della spesa dei consumatori e, quindi, un impoverimento del Paese. Il suo spiccato interesse per i problemi della politica fiscale francese (auspicò un'audace riforma fiscale) lo portò a eccellere, anche sul piano teorico, nel campo della finanza pubblica. È l'economista che Marx unisce a W. Petty nell'individuare l'inizio dell'economia politica classica; la famosa analisi del flusso circolare di Cantillon è ispirata per lo più al suo lavoro. Si può notare una certa relazione tra alcune sue idee e quelle di Adam Smith. Tra le sue opere principali si ricordano: Le détail de la France (1695), Traité de la nature, culture, commerce et intérêt des grains (1704), Dissertation de la nature des richesses, de l'argent et des tributs (1704), Factum de la France (1707).

Media


Non sono presenti media correlati