Questo sito contribuisce alla audience di

Bruzzési, Giacinto

patriota italiano (Cerveteri 1822-Milano 1900). Infaticabile cospiratore, combatté nel Veneto nel 1848 e a Roma nel 1849. Esule in Grecia e a Costantinopoli, tenne spesso i contatti tra Mazzini e Kossuth. Partecipe dei moti milanesi del 1853 e di quelli di Genova del 1857, fu poi con Garibaldi nella campagna del 1859, nella spedizione dei Mille (1860), ad Aspromonte (1862) e nel Trentino (1866). Decorato di due medaglie d'oro, fondò la casa di riposo dei veterani di Turate.

Media


Non sono presenti media correlati