Questo sito contribuisce alla audience di

Córdoba (città dell'Argentina)

Guarda l'indice

Generalità

Città (1.317.298 ab. nel 2010; 1.473.000 ab. l'agglomerato urbano nel 2013) dell'Argentina, capoluogo della provincia omonima, 650 km a NW di Buenos Aires, a 426 m sul Río Primero, al margine orientale delle sierre omonime. Tradizionale mercato agricolo e del bestiame, Córdoba è sede di moderne industrie, attive nei settori chimico, meccanico (aeromobili), tessile, del cemento, conciario e alimentare. Aeroporto internazionale. È inoltre un importante centro culturale: infatti annovera due università (Universidad Nacional, 1613; Universidad Católica, 1956), l'Accademia delle Scienze e numerosi istituti superiori.

Storia

Fondata nel 1573 da Luis Jerónimo de Cabrera (Córdoba La Llana) presso le rive del Río Primero, divenne una Intendencia di Buenos Aires dopo l'istituzione del Vicereame del Río de la Plata e un importante centro culturale grazie all'opera dei gesuiti, che fondarono numerose missioni (S. Caterina, S. Isidoro, S. Antonio, S. Giuseppe, S. Marco) e una stamperia. Tra i maggiori monumenti del periodo coloniale: la cattedrale (1574-82, ricostruita nel 1729-39), la chiesa dei Gesuiti , le case Cobos, Tristán, Allende, Sobremonte (ora sede del Museo Civico). La città moderna si è ampiamente sviluppata a destra e a sinistra del fiume.

Media

Cordoba (Argentina).