Questo sito contribuisce alla audience di

Tèrra del Fuòco

arcipelago (70.500 km²; ca. 70.000 ab.) posto all'estremità meridionale dell'America Meridionale, tra l'Oceano Pacifico a W e l'Oceano Atlantico a E, separato dalla massa continentale tramite lo stretto di Magellano. È costituito da un'isola maggiore (Isola Grande della Terra del Fuoco, 47.000 km²), da alcune minori, quali Navarino, Hoste, Desolación, Santa Inés, Clarence, Dawson, Gordón, Stewart, Londonderry, e da numerose altre più piccole. L'Isola degli Stati (Isla de los Estados), a E del Capo San Diego, è spesso considerata parte dell'arcipelago. La regione insulare, nelle sue porzioni occidentale e meridionale, è interessata dalla cordigliera delle Ande, che qui raggiunge i 2467 m s.m. nel Cerro Yagan; le parti settentrionale e nordorientale rappresentano invece l'estremo settore meridionale della regione patagonica e sono formate quindi da ripiani aperti e solo dolcemente ondulati. Essa, tuttavia, presenta un'accentuata uniformità nel paesaggio dovuta alla modellazione della glaciazione quaternaria e alla durezza del clima (i ghiacciai si spingono spesso sino al mare) che permette solo una vegetazione di tundra su gran parte del territorio. Nelle parti più riparate l'estensione dei pascoli ha favorito l'allevamento bovino e ovino che, insieme allo sfruttamento del bosco e del sottosuolo (petrolio, carbone, oro), costituisce la principale risorsa economica. La popolazione è formata in gran parte da coloni bianchi: gli amerindi, riuniti sotto il nome di Fuegini, sono ormai praticamente estinti. La Terra del Fuoco è politicamente divisa tra Cile e Argentina, secondo una linea retta, tracciata lungo il meridiano di 68º36´38‟ di longitudine W, che assegna all'Argentina il settore orientale dell'Isola Grande e l'Isola degli Stati e al Cile tutto il resto, compresa l'isola di Horn, su cui si trova il capo Horn. Sin dal 1881 tuttavia scoppiò tra i due Paesi una contesa per il possesso delle isole Picton, Nueva e Lennox, all'imbocco orientale del canale di Beagle; nel 1984 finalmente (grazie alla mediazione del Vaticano) è stato firmato un accordo che ha assegnato le isole al Cile. La parte cilena è compresa nella regione di Magallanes y Antártica Chilena: la parte argentina costituisce la provincia omonima (21.571 km²; 143.987 ab. secondo una stima del 2013; capoluogo Ushuaia, . L'arcipelago fu scoperto nel 1520 da F. Magellano, visitato da F. Drake nel 1578 e da Lemaire nel 1616. In spagnolo, Tierra del Fuego.