Questo sito contribuisce alla audience di

Cabiati, Attìlio

economista italiano (Roma 1872-Torino 1950). Dopo aver intrapreso la carriera amministrativa, si dedicò all'insegnamento universitario. Collaboratore di numerose riviste economiche e politiche, fondò e diresse la Rivista Bancaria. Si occupò soprattutto dei problemi del commercio internazionale e dell'ordinamento monetario: liberista convinto, combatté ogni forma di protezionismo redigendo, in collaborazione con Luigi Einaudi, una serie di saggi dal titolo: L'Italia e i trattati di commercio, pubblicati a partire dal 1903 sulla rivista Critica Sociale. Studiò inoltre la teoria del dumping, la deflazione, gli allineamenti monetari e i trasferimenti di capitale. Fra le opere: Principi di politica commerciale (1924), Scambi internazionali e politica bancaria in regime di moneta sana e avariata (1929), Crisi del liberismo o errori di uomini? (1934), Fisiologia e patologia negli scambi della ricchezza fra Stati (1937).