Questo sito contribuisce alla audience di

Cactàcee

sf. pl. [dal genere Cactus]. Famiglia (Cactaceae) di piante, ordine Cariofillali, tipica dei deserti e di luoghi molto aridi, diffusa soprattutto nel continente americano, ma presente anche nell'Africa tropicale; diverse specie sono state introdotte nel Sud dell'Africa, in Australia e in India. Hanno dimensioni che vanno da alcuni centimetri a parecchi metri, e gli esemplari del genere Carnegia possono raggiungere i 18 m di altezza. Talora epifite, hanno habitus xeromorfico e succulento, con foglie per lo più ridotte a spine o squamette o mancanti del tutto: unica eccezione il genere Pereskia, che ha foglie perenni in forma laminare. Il fusto, carnoso, ricco all'interno di tessuto acquifero, ha la parte superficiale che è verde ed è in grado di svolgere la funzione fotosintetica; la sua forma, che può essere cilindrica, appiattita, globosa, otriforme, colonnare, ecc., è elemento caratterizzante i vari generi in cui viene suddivisa questa famiglia. I fiori delle Cactacee sono sovente grandi e isolati, spesso colorati e molto odorosi, senza xeromorfismo perché durano poco e compaiono nel periodo delle piogge, generalmente di notte; ermafroditi e regolari, sono caratterizzati anche dal fatto che tutti gli elementi che li compongono sono disposti a spirale. Sepali, petali e stami sono in numero indefinito, con graduali elementi di differenziazione fra sepali e petali; 4 o 5 carpelli sempre sulla spirale e in posizione infera formano un ovario uniloculare con molti ovuli parietali e stili liberi; il frutto è una bacca carnosa con molti semi. Molti autori riconoscono, sulla base di un'analisi morfologica e del DNA, tre sottofamiglie all'interno delle Cactacee, le Cactoideae, le Opuntioideae e le Pereskioideae. Le Cactoideae includono più dei tre quarti delle specie dell'intera famiglia, sono caratterizzate da riduzione o completa perdita delle foglie; le Opuntioideae sono provviste di peli pungenti sull'areole; le Pereskioideae hanno fusti non succulenti e foglie ben sviluppate e persistenti. Alcune Cactacee danno frutti eduli, come Opuntia ficus indica (fico d'India) , altre hanno proprietà medicinali, come Echinocactus williamsi, specie usata come droga ad azione allucinante per alcaloidi particolari (peyotl), o Cereus grandiflorus, che contiene la cactina; ma il maggior interesse di queste piante è costituito dalla loro utilizzazione per scopi ornamentali, per cui numerose specie sono coltivate sia in piena terra sia in vaso in ogni parte del globo. Tutte si moltiplicano facilmente per talea, per semi o per innesto. Oltre a quelli già citati, appartengono alle Cactacee i generi Mamillaria, Cactus (o Melocactus) Phyllocactus, Epiphyllum, ecc.

Media

Cactacee.Cactacee.Cactacee.