Questo sito contribuisce alla audience di

Cafasse

comune in provincia di Torino (26 km), 409 m s.m., 9,98 km², 3516 ab. (cafassesi), patrono: san Grato (7 settembre).

Centro situato alla destra della Stura di Lanzo, nella zona del suo sbocco in pianura. L'abitato, dominato dal monte Corno, è costituito da nuclei sparsi lungo la strada Torino-Lanzo. Fino al sec. XVI fu unito a Mathi. Nel 1928 fu aggregato a Cafasse la località Monasterolo, comune in precedenza autonomo, che si sviluppa in una posizione pedemontana, sottolineata dai nomi delle tre strade che l'attraversano: via Piedimonte, via Piedimezzo, via Piedivalle. La settecentesca parrocchiale di Monasterolo conserva una piccola statua romanica (Santa Maria della Spina). § È un vivace centro industriale, sede di impianti metalmeccanici e stabilimenti tessili, alimentari, per la lavorazione della carta e per la produzione di mobili. Attivo il commercio.