Questo sito contribuisce alla audience di

Callado, Antonio

scrittore brasiliano (Niterói 1917- Rio de Janeiro 1997). Iniziata la carriera di giornalista negli anni Trenta, collaborò, negli anni Quaranta, con testate di prestigio come la BBC e il quotidiano brasiliano O Globo. Successivamente si dedicò alla narrativa, esordendo nel 1954 con il romanzo A assunção de Salviano, seguito da A madona de cedro (1957), entrambi di argomento religioso. Anche i temi di carattere sociale influenzarono i suoi romanzi, spesso caratterizzati da denunce contro le condizioni di vita degli indigeni, degli emarginati e dei poveri in Brasile. Tra le altre opere sono da menzionare Quarup (1967), Bar Don Juan (1971), Reflexos do baile (1976), Sempreviva (1981), romanzo di opposizione contro il regime militare brasiliano, Concerto carioca (1985) e Memórias de Aldenham House (1990). Ha scritto anche opere per il teatro tra le quali A cidade assassinada (1954) e O tesouro de Chica da Silva (1962).

Collegamenti