Questo sito contribuisce alla audience di

Campodàrsego

comune in provincia di Padova (11 km), 17 m s.m., 25,61 km², 11.474 ab. (campodarseghesi), patrono: Maria Santissima Assunta (15 agosto) e san Martino (11 novembre).

Centro del Camposampierese, situato alla sinistra del fiume Brenta, lungo il corso arginato del torrente Musone dei Sassi. Probabilmente di origine romana, citato per la prima volta nel 1137, appartenne ai vescovi di Padova e poi agli Ezzelini. La frazione Sant'Andrea passò a Rolando da Curano, poi a Jacopo Sant'Andrea e infine ai signori di Camposampiero (sec. XII). Dal 1405 entrò a far parte dei domini di Venezia. § Nella frazione Sant'Andrea sorge la villa Fanzago Guillet, originaria del sec. XVI. Al sec. XVIII risalgono le parrocchiali delle frazioni Fiumicello e Bronzola. § Comune a economia prevalentemente industriale, è attivo nei settori elettronico, tessile, meccanico (produzione di macchine agricole), chimico, cartotecnico, dell'arredamento, delle forniture industriali, del legno, della refrigerazione industriale, della valigeria. Molto vivaci le attività commerciali. L'agricoltura produce cereali e uva.