Questo sito contribuisce alla audience di

Carey, James W.

sociologo statunitense (Providence, Rhode Island, 1934-2006). Docente alla Columbia's Graduate School of Journalism e direttore della rivista Communication, è stato uno degli esponenti di spicco dei Cultural Studies americani. Si occupò in special modo di mass media e di teoria delle comunicazioni. Secondo Carey, l'avvento di nuovi mezzi di comunicazione, per quanto rivoluzionario per punto di vista della percezione dei rapporti sociali, in realtà non è altro che il ripetersi di cicli culturali già battuti; in particolare, Carey vuole dimostrare come lo sviluppo delle comunicazioni coincida di fatto con la storia degli Stati Uniti, Paese dai grandi spazi in cui la velocità di trasmissione delle informazioni era di vitale importanza per il cementarsi della nuova democrazia. Tra le sue opere, sono da citare soprattutto: Media, Myths and Narratives: Television and the Press (1988) e Communication as Culture. Essays on Media and Society (1989).

Collegamenti