Questo sito contribuisce alla audience di

Caridèmo

(greco Charídēmos; latino Charidēmus), capo mercenario (sec. IV a. C.), originario di Oreo in Eubea. Fu implicato nelle vicende ateniesi relative alla formazione della II Lega Marittima; combatté infatti sotto Ificrate e Timoteo dal 368 a. C. fino al 360, quando passò al servizio del re di Tracia Coti e quindi (dopo il 356) dei satrapi in rivolta contro il Gran Re. Tornato ad Atene, seguì il partito antimacedone; la sua consegna fu perciò chiesta, dopo Cheronea, da Alessandro, ma Caridemo fuggì in Persia, dove fu ucciso.