Questo sito contribuisce alla audience di

Castèlli, Michelàngelo

uomo politico italiano (Racconigi 1810-Roma 1875). Seguace di G. Mazzini, si accostò a posizioni più moderate dopo i moti del 1834, diventando assai noto con la pubblicazione dell'opuscolo Del partito moderato in Italia (1846) e partecipando con C. Balbo alla fondazione del Risorgimento. Intimo collaboratore di Cavour, ebbe gran parte nell'attuazione del connubio tra conservatori e riformisti; senatore dal 1860, fu poi anche influente consigliere del re e di ministri favorendo la Convenzione di settembre (1864), l'alleanza con la Prussia (1866) e la presa di Roma (1870).