Questo sito contribuisce alla audience di

Castelli, Alfio

scultore italiano (Senigallia 1917). Dopo una formazione di tipo artistico (si diploma all'Accademia di belle arti di Roma), sin dalla prima personale, tenuta a Roma nel 1940, dimostra interesse per il lavoro di M. Marini e G. Manzù e per una ricerca che allontana la sua scultura dalla figuratività, e che le fa assumere inflessioni talvolta ironiche e caricaturali (Ritratto di Pippo Rizzo, Galleria nazionale d'arte moderna, Roma). A partire dai due gruppi Amanti e Nudi, il suo linguaggio si caratterizza indiscutibilmente per suture, spugnosità, granulazioni che sembrano sminuire e quasi scorporare le figure, le quali, per via delle modulazioni date dalla luce, potrebbero essere definite espressioniste. Da questo momento in poi il distacco dalla figuratività diventa categorico. Partecipa a numerose edizioni della Biennale di Venezia e della Quadriennale di Roma e acquisisce fama internazionale.