Questo sito contribuisce alla audience di

Cavagnòlo

comune in provincia di Torino (34 km), 177 m s.m., 12,37 km², 2281 ab. (cavagnolesi), patrono: sant’ Eusebio (1° agosto).

Centro situato sulle estreme propaggini settentrionali delle colline torinesi, alla destra del Po. L'abitato, con le nuove costruzioni e gli impianti industriali, si è sviluppato lungo la strada statale Torino-Asti. Appartenne al Marchesato di Ivrea, al vescovo di Vercelli (sec. XI) e ai marchesi del Monferrato. Con la Pace di Cherasco (1631) passò ai Savoia. § Monumento di grande rilievo è l'abbazia di Santa Fede, fondata nel sec. XII dai frati dell'abbazia di Sainte-Foy-de-Conques, importante testimonianza di architettura romanica in Piemonte. § Attività prevalente è l'industria (meccanica, alimentare, del legno); l'agricoltura produce uva e frutta.