Questo sito contribuisce alla audience di

Cerf, Muriel

scrittrice francese (Parigi 1950). Attratta dai mondi esotici, ha abbandonato il giornalismo per scoprire l'Estremo Oriente, che ha fatto rivivere nei due volumi L'Antivoyage (1974) e Le Diable vert (1975), seguiti dalle avventure vissute nel Brasile fantasmagorico di Amérindiennes (1979) e dal dramma dell'amore tra cristiani ed ebrei mediorientali di Une Passion (1981) e di Maria Thiefenthaler (1982). Scrittrice immaginifica, sfrutta la sua potenza evocatrice in una prosa colorita, carica di lirismo e di sensualità. Altre opere: Le lignage du serpent (1978), Une pâle beauté (1984), Dramma per musica (1986), La Nativité à l’étoile (1989; Natività sotto le stelle), ultimo episodio delle avventure di Antonella Piatti e Primavera toscana, storia di una fiorentina in un'Italia mitica, la Firenze del Quattrocento. Sono successivamente stati pubblicati il testo autobiografico Julia M ou le premier regard (1991; Julia M o il primo sguardo), Une passion (1996; Una passione), una saga familiare con una storia d'amore che comincia in Libano nel 1948, Le verrou (1997), Ogres et autres contes (1997), Une vie sans secret (1998) e Servantes de l’oeil (1999), Triomphe de l'Agneau (2000), La femme au chat (2001) e Le bandit Manchot (2002). Altre opere: L'étoile de Carthage (2004), La petite culotte (2005), Bertrand Cantat ou le chant des automates (2006).