Questo sito contribuisce alla audience di

Cláudio, Mário

pseudonimo dello scrittoreportoghese Rui Manuel Pinto Barbot Costa (Oporto 1941). Esordisce come poeta con il volume Ciclo de Cypris (1969), per passare poi alla prosa (Um verão assim, 1974; As máscaras do sábado, 1976; Damascena; 1983). Si afferma con il romanzo Amadeu (1984) sulla vita del pittore Sousa-Cardoso, romanzo che, con i successivi Guilhermina (1986), sulla vita della violoncellista Guilhermina Suggia, e Rosa (1988), su quella della ceramista Rosa Ramalho, forma la cosiddetta Trilogia da mão. Abbandonata la prosa biografica, Claudio si rivolge al romanzo storico con A quinta das virtudes (1990), Tocata para dois clarins (1992), As batalhas do Caia (1995) e Peregrinação de Barnabé das Índias (1998), in cui rivisita, a 500 anni di distanza, il viaggio di Vasco da Gama verso l'India. Nel 1996, dopo quasi quindici anni dal suo ultimo libro di versi (Terra Sigillata, 1982), è tornato alla poesia con Dois Equinócios.

Media


Non sono presenti media correlati