Questo sito contribuisce alla audience di

Clifford, James

antropologo statunitense (n. 1945). Storico di formazione, ha conseguito nel 1977 il Ph. D. all'Università di Harvard. Dal 1978 insegna all'Università della California a Santa Cruz. È il maggiore esponente della corrente critica della pratica antropologica e della letteratura di viaggio. Esaurita la certezza dell'identità, l'uomo civilizzato da una parte e quello primitivo dall'altra, e compromessa l'intangibilità dei luoghi, oggetto della ricerca antropologica diviene l'antropologo stesso. Clifford privilegia nell'antropologia, quindi, quella parte, a lungo trascurata, della scrittura e della costruzione del testo attuata dal ricercatore. È lo studioso che costruisce l'Altro, mettendo in atto le strategie retoriche della scrittura etnografica. Clifford definisce “finzioni etnografiche” i testi prodotti dall'antropologo: essi non sono falsi, ma certamente parziali, perché basati sulla selezione delle informazioni e delle osservazioni. Il suo pensiero è espresso compiutamente nell'opera Writing culture: The Poetics and Politics of Etnography (1986; Scrivere le culture: la poetica e la politica dell'etnografia) in cui Clifford attua la critica del primitivo e dell'esotico, oggetto di studio classico dell'antropologia, e individua nella scrittura ciò che è veramente rilevante, definendo la cultura una “finzione reale”, una costruzione dell'antropologo. Altre opere: The Predicament of Culture: Twentieth Century Ethnography, Literature, and Art (1988; Il dilemma della cultura: etnografia, letteratura e arte del Ventesimo secolo), Routes: Travel and Translation in the Late 20th Century (1997; Strade: viaggio e spostamento nel tardo XX secolo), On the Edges of Anthropology (2003; Ai margini dell'antropologia).