Questo sito contribuisce alla audience di

Costantino, donazióne di-

(latino Constitutum o Donatio Constantini). Documento apocrifo, diretto a papa Silvestro I (314-335), con il quale l'imperatore Costantino avrebbe decretato tra l'altro il conferimento al papato di insegne e dignità imperiali, nonché del potere sovrano (potestas et ditio) sulla città di Roma e su tutte le province, le località e le città dell'Italia e delle regioni occidentali dell'impero, trasferendo dal canto suo la propria sede e il proprio dominio in Oriente. In realtà la data della sua composizione si pone molto probabilmente poco dopo la metà del sec. VIII. L'autenticità del documento, incontestata durante il Medioevo, nel corso del quale esso venne ripetutamente portato a sostegno delle pretese di potere temporale della Chiesa, fu impugnata nel sec. XV da Niccolò Cusano (De concordantia catholica) e da Lorenzo Valla (De falso credita et ementita Constantini donatione), che ne stabilirono definitivamente il carattere apocrifo.

Media


Non sono presenti media correlati