Questo sito contribuisce alla audience di

Créspi

famiglia di industriali lombardi. Cristoforo Benigno (Busto Arsizio 1833-Milano 1920), fra i pionieri dell'industria cotoniera, costruì grandi opifici a Capriate d'Adda, con annesso il villaggio Crespi d'Adda. Il fratello Benigno (Busto Arsizio 1848-Torino 1910) costruì impianti idroelettrici in Val Seriana e fu comproprietario (1885) e poi maggiore azionista (1900) della società editrice del Corriere della Sera. Silvio Benigno (Milano 1868-Cadorago 1944), figlio di Cristoforo Benigno, fu presidente della Banca Commerciale Italiana dal 1919 al 1930; come uomo politico partecipò alla Conferenza della Pace a Parigi. I figli di Benigno, Mario (Nembro 1879-Milano 1962), che fu senatore del Regno, Aldo (Milano 1885-Merate 1978) e Vittorio (Milano 1895-1963), ereditarono dal padre le quote di proprietà del Corriere della Sera e nel 1925 acquisirono il completo controllo della società editrice. Giulia Maria (Castiglioncello, Livorno, 1923), figlia di Aldo, è stata comproprietaria dell'azienda fino al 1974, quando ha ceduto l'intera proprietà ad A. Rizzoli.

Media


Non sono presenti media correlati