Questo sito contribuisce alla audience di

Dódici, I-

(Dvenadcat'), poema lirico dello scrittore russo A. A. Blok (1918). I dodici sono le guardie rosse che nella notte, durante la rivoluzione, girano per le vie della capitale uccidendo senza pietà tutti coloro che non sembrano proletari. Il poema, considerato la più viva espressione letteraria della rivoluzione, ha un significato figurativo: dalla crudeltà, dalla violenza, dal sangue si costruirà una nuova Russia.

Media


Non sono presenti media correlati