Questo sito contribuisce alla audience di

Desjardins, Martin

nome con cui è noto lo scultore di origine olandese Martin Bogaert (Breda 1640-Parigi 1694). Dopo aver studiato ad Anversa si stabilì a Parigi, dove tradusse in Desjardins il cognome olandese e divenne ben presto apprezzato scultore ufficiale. Per i giardini di Versailles scolpì in pietra le statue di Galatea, Eco, Teti, Giunone e Diana. La sua opera più celebre, il monumento a Luigi XIV coronato dalla Vittoria, venne distrutto durante la Rivoluzione. La medesima sorte toccò al monumento equestre del re Sole eretto a Lione. Scultore fu anche il nipote Jacques.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti