Questo sito contribuisce alla audience di

Egèsia di Cirène

filosofo della scuola cirenaica (sec. IV-III a. C.). Edonista, discepolo di Aristippo, considerò impossibile il conseguimento della felicità, volgendo l'edonismo del maestro a conseguenze pessimistiche: pose, infatti, il piacere dell'indifferenza nell'astensione da qualsiasi attività fino al rifiuto della vita. Fu detto “persuasore di morte” perché la sua opera (Quello che si lascia morire) spinse molti lettori al suicidio. La sua scuola fu interdetta da Tolomeo I.

Media


Non sono presenti media correlati