Questo sito contribuisce alla audience di

Enrico III (re di Francia e di Polonia)

re di Francia e di Polonia (Fontainebleau 1551-Saint-Cloud 1589). Figlio di Enrico II e di Caterina de' Medici, fu l'ultimo sovrano dei Valois. Influenzato dalla madre, fu nemico dichiarato degli ugonotti e uno dei promotori della strage di S. Bartolomeo (1572). Mentre partecipava all'assedio di La Rochelle, venne dichiarato re di Polonia (1573). Pochi mesi dopo, all'inizio del 1574, alla morte del fratello Carlo IX, fu incoronato re. Di personalità debole, fu per gran tempo strumento del potente duca di Guisa nella lotta senza quartiere combattuta in quegli anni tra calvinisti e cattolici e culminata nella “guerra dei tre Enrichi” (Enrico III, Enrico di Guisa e Enrico di Navarra). Quando però la Lega Cattolica, capeggiata dal duca di Guisa, divenne un temibile centro di potere, Enrico III sciolse qualsiasi lega, sia cattolica sia protestante (Editto di Poitiers, 1577). Le reazioni furono negative: in campo protestante si accrebbe la potenza di Enrico di Navarra; in quello cattolico i Guisa ottennero l'appoggio della Spagna e provocarono una guerra civile. Enrico III allora ricorse al delitto e fece uccidere Enrico di Guisa con il fratello Luigi (1588). I cattolici risposero occupando la stessa Parigi; Enrico III accorse e assediò la capitale, ma fu ucciso da un domenicano fanatico, J. Clément.

Media

Enrico III