Questo sito contribuisce alla audience di

Feroléto Antico

comune in provincia di Catanzaro (44 km), 280 m s.m., 22,01 km², 2114 ab. (feroletani), patrono: san Silvestro (31 dicembre).

Centro posto sul versante sudorientale del monte di Castelluzzo. La tradizione riconduce la sua origine a un gruppo di abitanti, provenienti da un centro costiero, che per proteggersi dalle scorrerie saracene si spostarono in un luogo più difendibile, lo munirono di castello e mura e lo chiamarono Feroleto. Nel 1589 il borgo fu governato da Ferrante Caracciolo e, dal 1637, ne furono principi i D'Aquino di Castiglione. Fu gravemente danneggiato dai terremoti del 1606 e del 1626 e venne quasi distrutto da quello del 1638.Del castello, ristrutturato più volte in epoca medievale, rimangono solo i ruderi. La chiesa di Santa Maria Maggiore fu eretta nel 1612 e in seguito ricostruita.§ All'agricoltura (viti, olivi, ortaggi e alberi da frutto) si affiancano le attività di sfruttamento dei boschi (soprattutto legname). Di una certa importanza è l'industria tessile e alimentare (caseifici, frantoi e aziende enologiche, con produzione di lamezia DOC).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti