Questo sito contribuisce alla audience di

Flòrio

famiglia siciliana d'industriali. Vincenzo (Bagnara Calabra 1799-Palermo 1868), tra i primi imprenditori meridionali, pose le basi delle fortune della famiglia, intuendo l'importanza dello sviluppo industriale dell'isola. Sviluppò la pesca del tonno e la sua lavorazione, impiantò uno stabilimento per la produzione dei vini marsala, s'interessò all'industria dello zolfo, fu attivo anche nel settore bancario. Fondò inoltre una società di navigazione. Fu senatore dal 1864. Suo figlio Ignazio (Palermo 1838-1891) diede grande impulso alla società di navigazione fondendola con la società Rubattino sotto la nuova denominazione di Navigazione generale italiana. Fu senatore dal 1883. Il nipote Vincenzo jr. (Palermo 1883-1959) è stato pioniere dell'automobilismo partecipando giovanissimo a numerose corse automobilistiche ma soprattutto legando il nome all'istituzione della Coppa Florio (1905), che si corse a Brescia, e della Targa Florio, la più antica e prestigiosa corsa automobilistica su strada, disputata dal 1906 al 1972 sul circuito delle Madonie.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti