Questo sito contribuisce alla audience di

Gardin, Vladimir Rostislavovič

regista e attore cinematografico sovietico (Mosca 1877-1965). Proveniente dal teatro, fu negli anni Dieci tra i più notevoli cineasti prerivoluzionari, specialista in riduzioni letterarie da Tolstoj. Dal 1919 direttore dell'Istituto del cinema a Mosca, fece esordire gli allievi Pudovkin e Tissé nel film Falce e martello (1921). Dal 1922 al 1924 organizzò gli studi cinematografici dell'Ucraina, quindi tornò a Mosca, dove realizzò il suo film migliore, La croce e il fucile (1925), cui seguì Il poeta e lo zar (1927), sull'incontro fra Puškin e Nicola II. Dopo tale film abbandonò la regia per dedicarsi esclusivamente all'attività di attore, mostrando le sue eccezionali doti soprattutto in Contropiano (1932), di Emler.

Media


Non sono presenti media correlati