Questo sito contribuisce alla audience di

Ginévra degli Almièri

poemetto popolare di autore anonimo (forse Agostino Velletti) della fine del sec. XV. Narra, con ingenua fantasia e colorito realismo, la storia di Ginevra, nobildonna fiorentina che, innamorata di un popolano e costretta dal padre a sposare un giovane di pari rango, celebra infine le nozze con il primo, dopo essere stata sepolta ed essere tornata tra i vivi. La vicenda ebbe grande fortuna in adattamenti e rielaborazioni letterarie: a essa si ispirò, tra gli altri, Shelley nel poemetto Ginevra (1821).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti