Questo sito contribuisce alla audience di

Giosafatti, Giusèppe

architetto e scultore italiano (Ascoli Piceno 1643-1731). Curò la trasformazione del palazzo comunale di Ascoli (1683) e nella stessa città eseguì la facciata di S. Emidio alle Grotte, considerata il suo capolavoro, e il portale di S. Pietro Martire. Architetto e scultore fu anche suo figlio Lazzaro (Ascoli Piceno 1694-1781) che, rientrato ad Ascoli dopo un breve soggiorno a Roma, vi introdusse elementi della cultura architettonica romana. Gli si devono la facciata della chiesa della Concezione, l'interno della chiesa dell'Angelo Custode progettata da C. Rainaldi, la chiesa del convento di S. Maria del Buonconsiglio, rimasta incompiuta; collaborò con il padre alla realizzazione del gruppo statuario della Madonna col Bambino e i SS. Tommaso e Giovanni Evangelista della chiesa di S. Tommaso. Progettò inoltre la Collegiata Nuova di Offida, presso Ascoli, eseguita poi da P. A. Maggi.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti