Questo sito contribuisce alla audience di

Gregòrio XVI

(al secolo Bartolomeo Alberto Cappellari), papa (Belluno 1765-Roma 1846). Camaldolese, nel 1807 divenne abate di S. Gregorio al Celio e quindi superiore generale dell'ordine. Cardinale nel 1825, ricoprì cariche importanti nelle Congregazioni Romane e fu eletto papa nel 1831. L'appoggio dato dall'Austria alla sua elezione si rinnovò quando lo Stato Pontificio divenne teatro d'insurrezioni e moti rivoluzionari (1831). Sordo alle aspirazioni del suo tempo, non aderì al memorandum che le grandi potenze europee presentarono alla Santa Sede per consigliare riforme giudiziarie e amministrative; una rigida intransigenza tenne anche nei riguardi dei più fecondi movimenti intellettuali dell'epoca, condannando il cattolicesimo liberale di Lamennais. Favorì le missioni, le scienze e le arti, fondando i musei etrusco, egizio e cristiano in Vaticano.

Media

Gregorio XVI