Questo sito contribuisce alla audience di

Háy, Gyula

autore drammatico ungherese (Albony 1900-Ascona 1975). Lasciò il suo Paese dopo la fine della Repubblica bolscevica di Béla Kun nel 1919 e visse all'estero fino al 1945. Tra le sue opere si ricorda Dio, imperatore, contadino, andato in scena a Berlino nel 1932, in cui ripropose da un punto di vista marxista il conflitto tra il potere laico e quello religioso agli inizi del sec. XV.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti