Questo sito contribuisce alla audience di

Hierro, José

poeta spagnolo (Madrid 1922-2003). Considerato uno dei protagonisti della “generazione del '50”, fondò a Santander la rivista poetica Proel, in cui apparvero Tierra sin nosotros e Alegría (1947) col quale ottenne il premio Adonais. La sua poesia, minuziosamente elaborata nel verso, è ricca di esiti esistenziali e di una profonda attenzione al mondo dell'inconscio. La sua fu una lirica di lenta gestazione: tra la pubblicazione di un libro e l'altro intercorrono interi decenni. Così dal Libro de las alucinaciones (1964) ad Agenda (1984), trascorsero venti anni, e solo nel 1998 uscì Cuaderno de Nueva York. Nel frattempo vennero pubblicati tredici poemi scritti tra il 1937 e il 1938, Prehistoria literaria (1991), e furono riuniti in un'edizione i sonetti composti dal 1939 al 1991, di cui sette inediti. Nel 1995 ricevette il premio Reina Sofía di Poesía Iberoamericana.

Media


Non sono presenti media correlati