Questo sito contribuisce alla audience di

Làpio

comune in provincia di Avellino (21 km), 500 m s.m., 15,03 km², 1750 ab. (lapiani), patrono: san Pietro Martire (29 giugno).

Centro posto sul versante sinistro della valle del fiume Calore. Citato dall'894, seguì le vicende di Candida, legata ai Filangieri, e poi quelle di Avellino. Fu danneggiato dal terremoto del 1980.§ Il castello dei Filangieri, trasformato nel sec. XVI in palazzo baronale, ha quattro torri angolari e portale decorato con motivi geometrici. La chiesa di Santa Caterina (sec. XVI) conserva una pregevole tavola cinquecentesca (Martirio di Santa Caterina) e sul soffitto tre grandi tele con le Storie della Vergine (1951).§ Risorsa prevalente è l'agricoltura, che produce cereali, nocciole, frutta, ortaggi, olive e uva (vini taurasi DOCG e fiano di Avellino DOC).§ Il Venerdì Santo si svolge una suggestiva rievocazione della Passione di Cristo, con gruppi di statue in cartapesta (detti “le Tavolate”), a grandezza naturale, portati in processione.

Media


Non sono presenti media correlati