Questo sito contribuisce alla audience di

Larsson, Björn

scrittore svedese (Jönköping 1953). Docente di francese presso l'Università di Lund, si è interessato alla critica filologica e ha tradotto opere dal danese, dall'inglese e dal francese. Ma è con la narrativa che ha raggiunto la notorietà, conquistando un posto di rilievo nella letteratura svedese contemporanea. Dopo l'esordio nel 1980 con la raccolta di racconti Splitter, ha ottenuto i primi riconoscimenti a livello internazionale nel 1992 con Il cerchio celtico, thriller di ambientazione marina nel quale sono contenuti riferimenti alla cultura e alle tradizioni dei Celti. Nei romanzi di Larsson, il mare e l'avventura sono i veri protagonisti, come in La vera storia del pirata Long John Silver (1995) e come ne Il porto dei sogni incrociati (2001), intreccio di destini di quattro personaggi malati di solitudine e insofferenti per la propria condizione. Con L'occhio del male (2002) Larsson ha invece abbandonato gli sfondi marinareschi, ambientando la vicenda nel sottosuolo di Parigi: il romanzo, viaggio metaforico nei meandri della natura umana, affronta con ritmo e imprevedibilità il tema scottante del rapporto tra Islam e Occidente. Nel 2003 l'autore è poi tornato al suo tema preferito con La saggezza del mare; nel 2005 si è cimentato nel romanzo thriller Il segreto di Inga, incentrato sulla figura di una donna chiusa nella solitudine di un profondo segreto e nel 2007 ha proposto Bisogno di libertà in cui sceglie di raccontarsi attraverso il suo apprendistato verso la libertà, difficile conquista a volte anche precaria che dura tutta una vita. Con il romanzo Otto personaggi in cerca (con autore) (2009) Larsson lascia pirati e marinai per pubblicare un libro popolato da chimici, matematici e genetisti.