Questo sito contribuisce alla audience di

Leopòldo II (granduca di Toscana)

granduca di Toscana (Firenze 1797-Roma 1870). Figlio di Ferdinando III, partì col padre per la Germania quando questi fu spodestato dai Francesi. Tornato a Firenze nel 1814, raccolse dieci anni dopo la successione del granducato avviando una politica illuminata e conciliante che culminò con l'approvazione (1847) della riforma sulla libertà di stampa. L'anno dopo (17 febbraio) promulgò la Costituzione e inviò un corpo di spedizione alla prima guerra di indipendenza; ma l'affermazione del movimento democratico di Guerrazzi e Montanelli lo costrinse (1849) a rifugiarsi a Gaeta presso Pio IX. Una volta tornato al potere, grazie all'aiuto dell'Austria, abbandonò del tutto l'atteggiamento liberale finché la rivoluzione popolare del 1859 lo costrinse ad abbandonare definitivamente la Toscana.

Media


Non sono presenti media correlati