Questo sito contribuisce alla audience di

Macedo, José Agostinho de-

poeta portoghese (Beja 1761-Pedrouços 1831). Studiò nella capitale ed entrò poi fra gli agostiniani, da cui fu espulso nel 1792. In polemica con Bocage e altri suoi contemporanei, li satireggiò nei versi di Os burros (1827; Gli asini) e nelle prose del Motim literário (1811; Ammutinamento letterario). Scrisse un poema didattico su Newton (1813) e tentò di superare Camões nel poema epico Gama (1811), che nella successiva edizione cambiò il titolo in Oriente (1814), denso di metafore di origine biblica. Fu predicatore di corte e combatté i liberali, ma le sue Cartas filosóficas (1815) lo mostrano a mezza via tra illuminismo e romanticismo.