Questo sito contribuisce alla audience di

McGrath, Patrick

scrittore inglese (Londra 1950). Fin da giovane ha sviluppato una particolare sensibilità per la psicologia, frutto dell'esperienza di lavoro svolta accanto al padre primario in una casa di cura per malati di mente. Il comportamento dei personaggi dei suoi romanzi, spesso caratterizzato da una forte identità e dalla tendenza alle nevrosi più gravi, è scandagliato in profondità e immerso in situazioni inquietanti. Considerato tra gli autori più rappresentativi del genere gotico-psicologico, McGrath ha esordito nel 1988 con la raccolta di racconti Blood and Water and Other Tales (Sangue e acqua e altre storie). Il suo primo romanzo The Grotesque (1989; Grottesco), descrive una vicenda tragica dominata dall'intreccio di due personalità ambigue, un paralitico e il suo maggiordomo dal fascino sinistro. Dopo Spider (1990), ha pubblicato Dr.Haggard’s Desease (1993; Il morbo di Haggard), una storia d'amore dai contorni agghiaccianti tra un chirurgo fallito e la moglie di un anatomopatolgo, il cui epilogo tragico è percepibile fin dall'inizio della loro relazione. In Asylum (1996; Follia) ha di nuovo rappresentato un rapporto sentimentale in bilico tra la passione morbosa e la psicosi. Elementi gotici, vivisezione psicologica dei personaggi, vicende macabre, accanto a un tipico black humour inglese, sono presenti anche in Martha Peake: A Novel of the Revolution (2000; Martha Peake), romanzo storico ambientato in una tenebrosa Londra del XVIII secolo.Nel 2004 ha pubblicato Port Mungo e nel 2007 Trauma.