Questo sito contribuisce alla audience di

Melisso, Gàio

grammatico e poeta latino (sec. I a. C.-I d. C.). Nativo di Spoleto, schiavo e poi liberto di Mecenate, ebbe da Augusto l'incarico di riordinare le biblioteche sotto il portico di Ottavia. Compose un'ampia raccolta di aneddoti (Facetiae) e tentò un nuovo genere teatrale, la fabula trabeata, così chiamata da trabea, la toga indossata dai cavalieri, che erano i personaggi delle sue commedie, tutte perdute.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti