Questo sito contribuisce alla audience di

Meyer, Paul (regista)

regista cinematografico e televisivo belga di origine tedesca (Limal, Brabant Wallon 1920-Visé, Vallonia, 2007). Teso allo studio delle condizioni dei lavoratori, si rivelò nel cortometraggio La fornace (1956), realizzando poi il lungometraggio Già vola il fiore magro (verso di S. Quasimodo), ovvero Les enfants du Borinage (1960), sulla manodopera straniera e sui figli degli immigrati mentre in Belgio si chiudevano molte miniere. Confermò il suo impegno sociale e la sua lucidità brechtiana in due inchieste televisive intitolate Questo pane quotidiano (1962-64: sei puntate sui lavoratori belgi; 1964-66: sette puntate sui lavoratori stranieri). Dal 1993 gestisce con Anne Michotte una sua casa di produzione, les Films de l'Eglantine.

Media


Non sono presenti media correlati