Questo sito contribuisce alla audience di

Morandi, Gianni

cantante e attore italiano (Monghidoro 1944). Ai primi successi (1962) Andavo a cento all'ora, Fatti mandare dalla mamma a prendere il latte, Ho chiuso le finestre, hanno fatto seguito tre brani che hanno ispirato i film omonimi: In ginocchio da te, Non son degno di te, Se non avessi più te. Altri pezzi significativi degli anni Sessanta sono stati Notte di ferragosto, C'era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones, La fisarmonica, Un mondo d'amore, Scende la pioggia. Dei decenni successivi, meno prolifici, vanno ricordati Il mondo di frutta candita e Sei forte papà negli anni Settanta; la vittoria al festival di Sanremo con Si può dare di più (1987, insieme a Umberto Tozzi e Enrico Ruggeri) e, negli anni Novanta con l'album Celeste, azzurro e blu. L'artista ha avuto anche successo come protagonista di sceneggiati televisivi (Voglia di cantare, Voglia di vincere, La voce del cuore, La forza dell'amore) e ha partecipato ad alcuni film non musicali come Le castagne sono buone (di P. Germi, 1970) Il provinciale (di L. Salce, 1971) I panni sporchi (di M. Monicelli, 1998). Nel 1999 si è cimentato con successo nella conduzione televisiva (C'era un ragazzo), esperienza ripetuta nel 2002 con Uno di noi, programma abbinato alla Lotteria Italia. Nel 2004 ha pubblicato l'album A chi si ama veramente e nel 2006 con Il tempo migliore, nello stesso anno ha anche condotto il programma televisivo Non facciamoci prendere dal panico ed è uscita la sua autobiografia Diario di un ragazzo italiano. Morandi è tornato in televisione nel 2009 con il varietà Grazie a tutti e conducendo il Festival di Sanremo nel 2011 e nel 2012.

Media


Non sono presenti media correlati