Questo sito contribuisce alla audience di

Miróne (scultore)

(greco Mýrōn; latino Myron-ōnis), scultore greco (Eleutere fine sec. VI a. C.). Nativo della Beozia, svolse la sua attività, che si colloca tra il 480 e il 440 ca., ad Atene, di cui ebbe la cittadinanza. Tra le molte opere che le fonti letterarie gli attribuiscono (Eretteo, Perseo, Apollo, ecc.), due sole ci sono pervenute in copie universalmente riconosciute: il Discobolo e l'Atena e Marsia. Il Discobolo, raffigurato in varie copie tra cui quella Lancellotti e quella da Castel Porziano (entrambe a Roma, Museo Nazionale Romano), è rappresentato nel momento di raccoglimento prima dello scatto nel lancio del disco, mentre tutto il peso del corpo grava sul piede destro. Nell'Atena e Marsia, che originariamente costituivano un gruppo bronzeo unico, ricostruibile sulla base delle copie marmoree ora conservate rispettivamente a Francoforte sul Meno e al Museo Lateranense di Roma, il sileno è colto mentre arretra bruscamente di fronte alla dea irata, che volge vivacemente il capo a sinistra. Benché si tratti di temi diversi, in entrambi l'artista ha fissato il momento di passaggio tra due azioni, di cui la seconda decide tutto il corso dell'avvenimento. Dei numerosi atleti vincitori a Olimpia, ritratti da Mirone e noti dalle fonti letterarie, un prototipo è stato ricostruito dall'Amelung sulla base di vari frammenti di copie (tra cui un torso del Vaticano e una testa di Stoccolma). Assai lodato dagli autori antichi, Mirone pare concludere la fase dello stile severo, che egli arricchì sostituendo la immobilità delle statue arcaiche con la rappresentazione dinamica delle figure nell'attimo che sta tra la stasi e il movimento violento, attraverso l'analisi delle tensioni del corpo umano, dell'equilibrio instabile nella statica della ponderazione. "Per approfondire Vedi Gedea Arte vol. 2 pp 172-173" "Per approfondire Vedi Gedea Arte vol. 2 pp 172-173"

G. Becatti, Scultura greca, Milano, 1961; B. S. Ridgway, The Severe Style in Greek Sculpture, Princeton, 1970; P. E. Arias (a cura di), Mirone, Firenze, 1990.