Questo sito contribuisce alla audience di

Montecarlo

comune in provincia di Lucca (20 km), 162 m s.m., 15,59 km², 4345 ab. (montecarlesi), patrono: Madonna del Soccorso (8 settembre) e sant’ Andrea (30 novembre).

Centro situato tra il torrente Pescia e il Rio Leccio. Sorto nel 1333 attorno alla rocca del Cerruglio per volere di Carlo IV di Boemia, fu sotto il controllo lucchese e dal 1429 passò a Firenze, di cui seguì le vicende. § L'abitato conserva imponenti resti del castello trecentesco e parte dell'antica rocca con cinta muraria. La parrocchiale di Sant'Andrea, originaria del sec. XIV ma rifatta nel 1777-1782, custodisce all'interno varie opere d'arte, tra cui un dipinto di Alessandro Tiarini (sec. XVII). Notevoli i resti del Palazzo Pretorio, incorporati nell'ex monastero di Sant'Anna (1610-1613), e il settecentesco teatro dell'Accademia dei Rassicurati. D'interesse le molte dimore signorili. § L'agricoltura è rivolta alla produzione di uva da vino, olive, ortaggi e frutta. Si pratica l'allevamento suino. L'industria opera nei settori enologico (vini bianchi pregiati), meccanico, calzaturiero, delle confezioni e della carta.