Questo sito contribuisce alla audience di

Morétti, Luigi (architetto)

architetto italiano (Roma 1907-Capraia 1973). La sua prima opera, la Casa della Gioventù a Roma, in Trastevere (1933-40), rivela già la sua adesione al razionalismo, ma sulla base di una cultura storica approfondita, e quel felice e geniale trattamento dei particolari che fu poi la costante di tutte le sue opere. Nel dopoguerra realizzò le case-albergo di via Corridoni a Milano (1948-50) e, a Roma, le Case del Girasole e dell'Astrea (1951) e nel 1960 (con Libera, Luccichenti e altri) il Villaggio Olimpico, dove appaiono elementi compositivi e soluzioni riscontrabili anche in altre opere degli stessi anni (Torre della Borsa a Montréal; sede della Esso all'EUR, Roma). Tra le altre sue numerose opere si ricordano la villa La Saracena a Santa Marinella (Roma), il complesso residenziale Watergate sul Potomac a Washington (1961-65), le case ad appartamenti nel quartiere romano di Monte Mario. Accanto a quella progettuale Moretti svolse anche un'intensa attività critica; fondatore e direttore della rivista Spazio, fu tra l'altro fra i primi a valorizzare gli artisti della corrente informale.