Questo sito contribuisce alla audience di

Morazán, Francisco

militare e uomo politico centroamericano (Tegucigalpa 1792-San José de Costa Rica 1842). Durante la guerra civile centro-americana (1827-29) assunse il potere in Honduras ed entrò in Guatemala alla testa dell'esercito liberale (1829) e dopo la vittoria dei liberali fu eletto presidente della Confederazione dell'America Centrale (1830-34). Rieletto (1835-39), dovette affrontare le tendenze separatiste dei vari Stati, fomentate dai conservatori. Nel 1839 Guatemala, Nicaragua, Honduras e Costa Rica si separarono dalla Confederazione e Morazán, la cui autorità era ormai ridotta a El Salvador, dove nel 1839 era stato eletto capo dello Stato, fu accusato di voler ristabilire l'unione con la forza e, attaccato da R. Carrera, fuggì a Panamá (marzo 1840). Nel 1842, sbarcato in Costa Rica, tentò la riconquista dell'America Centrale ma, nuovamente sconfitto dai conservatori, fu catturato e fucilato.

Collegamenti