Questo sito contribuisce alla audience di

Mottafollóne

comune in provincia di Cosenza (68 km), 384 m s.m., 30,84 km², 1516 ab. (mottafollonesi), patrono: sant’ Antonio abate (17 luglio).

Centro ai piedi del gruppo del Pollino, alla sinistra del fiume Esaro; è compreso nel Parco Nazionale del Pollino. Sorse nel sec. XI nelle vicinanze di un convento basiliano. Fu sotto il dominio di numerose famiglie tra cui i Sangineto, i Sanseverino, gli Arcella e i Carafa di Belvedere. § In paese sono i resti di un castello medievale. La chiesa dell'Addolorata conserva una croce d'argento secentesca e un busto ligneo dell'Addolorata del sec. XVIII. La chiesa di San Giovanni ha una pala d'altare del sec. XVII. Nel museo della chiesa di Santa Croce sono conservati reperti archeologici del VII sec. a. C. rinvenuti nel territorio circostante. § L'agricoltura produce cereali, ortaggi, frutta, olive (con produzione di olio) e uva ed è affiancata dall'allevamento di bovini, ovini e suini.