Questo sito contribuisce alla audience di

Nāgārjuna

filosofo indiano (probabilmente sec. II d. C.). Fra le maggiori personalità del pensiero indiano, fu il fondatore della scuola Mādhyamika. La sintesi del suo pensiero è raccolta in 400 versi del famoso Mādhyamika-Larika, ma la tradizione lo fa autore di molte altre opere, pervenuteci solo attraverso traduzioni cinesi. Con una logica stringata e profonda Nāgārjuna dimostra l'impossibilità di discutere sulla natura del mondo empirico, perché tutti i concetti sono contraddittori; le cose stesse non hanno una propria natura perché condizionate l'una dall'altra, per cui non si può stabilire quello che appartiene all'una e quello che è proprio dell'altra. Il loro essere individuale è solo apparenza e sommando tutte queste apparenze si ha la rappresentazione del mondo, che però è frutto solo dell'immaginazione umana. Al di là di queste apparenze è il vuoto, nel quale tutte le illusioni si annullano. Come si vede, Nāgārjuna approda a un monismo metafisico, dal quale trae in campo gnoseologico la teoria della doppia verità: la verità superiore della realtà e quella convenzionale delle apparenze. Queste non hanno realtà propria, ma servono tuttavia a indicare la verità attraverso il loro velo metaforico; in questo ordine hanno un'utilità pratica sulla via della liberazione, che si raggiunge con la consapevolezza che tutte le cose si riducono all'unico principio del vuoto; cade così ogni dualità e l'assoluto non ci appare più come esterno ai fenomeni, ma diventa identico al relativo; cade anche la contrapposizione fra saṃsāra (passaggio doloroso da una vita all'altra) e nirvāṇa (spegnimento di ogni desiderio), che diventano così una cosa sola.

Media


Non sono presenti media correlati