Questo sito contribuisce alla audience di

Neher, Caspar

scenografo tedesco (Augusta 1897-Vienna 1962). Attivo in tutta Europa, lavorò stabilmente a Berlino, Francoforte, Amburgo e Zurigo. Fu scenografo abituale di E. Engel, H. Hilpert e B. Brecht. Di tendenza espressionista, rifiutò le soluzioni “di corrente”, nella volontà di rinvenire, per ogni spettacolo, il clima opportuno, esprimendolo “con la magica concentrazione del necessario”: un panorama archeologico arrampicato sul fondale (Giulio Cesare, 1931), una gradinata a spirale deformata (Macbeth, 1932), un interno a elementi scomponibili (Leben des Galilei, 1957).

Media


Non sono presenti media correlati